Pronto intervento H24: 800.99.51.01 - Servizio clienti: 800.91.55.22 telefono: 0872 724270

info@sasispa.it

DOMANDE FREQUENTI

 

Ho acquistato/affittato una nuova abitazione cosa devo fare per attivare la fornitura idrica?

Caso a) L’immobile non è allacciato alla condotta idrica:

Occorre richiedere un sopralluogo da parte di un tecnico SASI. Può recarsi presso l’Ufficio Commerciale a lei più vicino o, in alternativa, scaricare il modello Richiesta Sopralluogo e inviarcelo debitamente compilato e sottoscritto.
Le serviranno a corredo della pratica: una fotocopia della sua carta di identità, del codice fiscale, il titolo che legittima il possesso dell’immobile (atto di acquisto, contratto di locazione ect.), i dati catastali dell’immobile, il permesso di costruire se è stato edificato dopo il 1977, la ricevuta del versamento di euro 85,22 sul c.c.p. 11153665.
A seguito del sopralluogo verrà redatto un preventivo di spesa per i lavori da eseguire.

Caso b) L’immobile è allacciato alla condotta idrica, ma la fornitura idrica non è attiva (contatore mancante o sigillato):
Occorre richiedere un nuovo contratto di utenza e posa del contatore. Può recarsi presso l’Ufficio Commerciale a lei più vicino o, in alternativa, scaricare il modello Contratto Acqua e inviarcelo debitamente compilato e sottoscritto.
Le serviranno a corredo della pratica: una fotocopia della sua carta di identità, del codice fiscale, il titolo che legittima il possesso dell’immobile (atto di acquisto, contratto di locazione ect.), i dati catastali dell’abitazione, il permesso di costruire se è stato edificato dopo il 1977, la ricevuta del versamento di euro 59,55 sul c.c.p. 11153665.

Caso c) L’immobile è allacciato alla condotta idrica, ma la fornitura idrica è intestata al precedente proprietario/utilizzatore.
Deve richiedere una voltura del contratto di utenza. Dovrà recarsi presso l’Ufficio Commerciale a lei più vicino insieme al precedente intestatario della fornitura ( o in alternativa farsi delegare per iscritto a chiudere il suo contratto di utenza). Se non ha possibilità di raggiungere l’Ufficio può scaricare il modulo Voltura ed inviarcelo.
Le occorreranno: una fotocopia della carta di identità e del codice fiscale suo e del precedente intestatario, la lettura attuale del contatore, il titolo che legittima il possesso dell’immobile (atto di acquisto, contratto di locazione, ect.), i dati catastali dell’abitazione, la ricevuta di un versamento di euro 22,15 sul c.c.p. 11153665.

Devo recarmi nei vostri Uffici per attivare/volturare un contratto di fornitura.
Devo necessariamente effettuare prima il versamento del contributo di attivazione/voltura presso un Ufficio Postale?

Il versamento dei contributi di attivazione/voltura possono essere effettuati anche presso i nostri sportelli mediante bancomat o carta di credito.  Le bollette di consumo, invece, non possono essere pagate nei nostri Uffici: bisogna utilizzare il bollettino postale o il bollettino bancario ricevuti con la fattura.

Vorrei che le bollette mi venissero recapitate ad un indirizzo diverso da quello di fornitura, cosa devo fare?

Può comunicarci un nuovo indirizzo di spedizione delle bollette telefonicamente oppure inviandoci un fax o una mail. Deve indicare esattamente i dati anagrafici dell’intestatario, l’indirizzo di fornitura e codice cliente.

Devo fare una pratica allo sportello ma non posso recarmi presso i vostri Uffici. Come posso fare?

Può scaricare il relativo modulo ed inviarcelo corredato da fotocopia del documento di identità. In alternativa, può delegare una persona di sua fiducia fornendogli delega scritta e fotocopia del documento di identità.

Mi sono trasferito in un’altra abitazione e per il momento lascio la casa vuota, cosa devo fare per non ricevere più le bollette? 

Può effettuare la cessazione della fornitura, ricevendo un ultima bolletta per i consumi effettuati fino alla data della chiusura del contatore. In alternativa, se non vuole cessare la fornitura, può comunicare l’autolettura  e le verranno fatturate, in assenza di ulteriori consumi, soltanto le quote fisse.

Vorrei pagare le mie bollette direttamente sul mio conto corrente bancario/postale.
Come posso fare?

Deve semplicemente recarsi presso il suo sportello bancario/postale e richiedere la domiciliazione dei pagamenti. Porti con sé una fattura idrica, avrà bisogno del numero di domiciliazione su essa riportata.

Il mio contatore dell’acqua è molto vecchio. Posso cambiarlo?

La S.A.S.I. ha un programma di sostituzione dei misuratori più vecchi. Tuttavia, può richiedere una verifica ai nostri Uffici Commerciali e qualora fosse necessario, provvederemo a cambiarlo.

Chi decide gli aumenti delle tariffe dell’acqua?

Le tariffe sono deliberate dall’A.T.O. sulla base del Metodo stabilito dall’AEEG (Autorità dell’Energia Elettrica e Gas) e successivamente sottoposte ad approvazione definitiva da parte dell’AEEG.

Ho ricevuto una bolletta di acconto ma ho consumato meno dei metri cubi fatturati.
Cosa posso fare?

Gli acconti sono emessi sulla base dei suoi consumi precedenti. Può comunicare tempestivamente (prima della scadenza della bolletta) una autolettura ai nostri Uffici e nel caso in cui i consumi reali si discostino significativamente da quelli fatturati, sarà emesso un conguaglio sulla base della autolettura dichiarata.

I miei vicini di casa hanno ricevuto la bolletta e io no. Perchè?

Attualmente la S.A.S.I. adotta una modalità di fatturazione semestrale per le utenze con consumi annui inferiori a 100 euro, trimestrale per le utenze con consumi superiori. Se la sua tipologia di fatturazione è la stessa rispetto ai suoi vicini potrebbe trattarsi di un ritardo di consegna. Se la problematica persiste nel tempo le consigliamo di contattare i nostri Uffici per una verifica puntuale.

Cosa succede se non pago la bolletta entro la data di scadenza?

In caso di ritardo nel pagamento oltre la data di scadenza, l’importo della fattura sarà assoggettato ad un gravame crescente, a titolo di mora, che le verrà addebitato nelle bollette successive.
In caso di mancato pagamento le verrà inviato un sollecito di pagamento e quindi la pratica verrà affidata ad un nostro legale per la riscossione con aggravio delle spese a suo carico.

Devo effettuare una pratica sportello. Posso sostituire i documenti richiesti con delle autocertificazioni?

Potrà fornire autocertificazione per attestare la proprietà della abitazione, la sua residenza o per attestare la morte del precedente intestatario. Non può essere autodichiarato, invece, il contratto di locazione.